Rosa Mundi Art Works

Trepidazione Equinoziale – Magdala
2020
Cerchi in ferro quattrocenteschi delle antiche botti di vino, vetro plastificato, tempera naturale
Fifteenth-century iron circles of ancient wine barrels, plasticized glass, natural tempera
Diametro 147cm
Rosa Mundi costruisce una particolare sfera armillare, composta da tre cerchi di ferro ellittici, incastonati una
dentro l’altra, anticamente anelli circolari delle antiche botti quattrocentesche custodite nella magica atmosfera
delle antiche cantine di vino del Castello di Morsasco. Ognuna dei tre cerchi tratteggia una sfera con una propria
immaginaria eclittica. La prima, partendo dal cuore dell’armillare, è divisa in sezioni corrispondenti ai dodici segni
dello Zodiaco. La sfera armillare era destinata a mostrare sia la precessione sia la cosiddetta trepidazione degli
equinozi, tanto in voga nel ‘400. L’originaria teoria dell’astronomo greco Ipparco, nel II secolo a.C., sul diverso
tempo impiegato dal sole per giungere all’equinozio, di primavera in primavera, riconosceva un lento
spostamento delle stelle, parallelamente all’eclittica, in senso contrario al moto diurno tale da dare origine allo
spostamento dei punti equinoziali di primavera ed autunno. Questa teoria venne denominata la precessione
degli equinozi. Nei secoli a seguire ci pensarono gli scienziati arabi a cronometrare lo slittamento degli equinozi
con un avanzamento più rapido da 1 a 66 anni, rispetto a quello di Ipparco ossia da 1 a 100 anni, sino a teorizzare
un cambiamento nella velocità di precessione, come se questa fosse una funzione del tempo che doveva essere
determinata sulla base delle osservazioni. Con la sua installazione Rosa Mundi indaga quindi il gioco del tempo
nell’indagine astronomica che, come variante matematica, deve considerare l’alea della inevitabile successione
dell’imprecisione del calcolo umano. Al tempo stesso anche il gioco delle forme, coniato e definito dal pensiero
umano, si deve aggiungere l’ulteriore incognita dell’obliquità dell’eclittica, anch’essa variabile.
Rosa Mundi builds a particular armillary sphere, composed of three elliptical iron circles, set one inside the other,
anciently circular rings of the ancient fifteenth-century barrels kept in the magical atmosphere of the ancient wine
cellars of the Castle of Morsasco. Each of the three circles outlines a sphere with its own ecliptic imagery. The
first, starting from the heart of the armillary, is divided into sections corresponding to the twelve signs of the
Zodiac. The armillary sphere was intended to show both the precession and the so-called trepidation of the
equinoxes, so popular in the ‘400. The original theory of the Greek astronomer Hipparchus, in the second century
BC, on the different time taken by the sun to reach the equinox, from spring to spring, recognized a slow
movement of the stars, parallel to the ecliptic, in the opposite direction to diurnal motion such as to give rise to
the displacement of the equinox points of spring and autumn. This theory was called the precession of the
equinoxes. In the following centuries, Arab scientists thought about timing the slippage of the equinoxes with a
faster advance from 1 to 66 years, compared to that of Hipparchus that is from 1 to 100 years, until they theorized
a change in the speed of precession, as if this was a function of time that had to be determined on the basis of
the observations. With his installation, Rosa Mundi therefore investigates the game of time in the astronomical
investigation which, as a mathematical variant, must consider the basis of the inevitable succession of the
inaccuracy of human calculation. At the same time, the play of forms, coined and defined by human thought,
must be added to the further unknown factor of the obliquity of the ecliptic, which is also variable.

Serie Tamburi – Rosone
2020
Vetro plastificato, tempera, ventre di medusa, ferro
Plasticized glass, tempera, jellyfish belly, iron
100 x 20cm
La serie dei tamburi spiega in modo figurativo e sonoro la
percezione dell’artista nell’essere umano e animale,
allineato nello spazio come un pianeta fluttuante
nell’infinità dell’universo. Le meduse escono dal mare e si
dirigono verso l’universo mare, racchiudendo tra il rosone
e il giudizio universale il destino dell’uomo evidenziando la
metamorfosi del concetto spaziale.
The series Tamburi explains figuratively and sonically the
artist’s perception of the human and animal being, aligned
in space as a planet floating in the infinity of the universe.
Jellyfish come out of the sea and head towards the
universe of the sea, enclosing the destiny of man between
the rose window and the universal judgment, highlighting
the metamorphosis of the spatial concep

Trepidazione Equinoziale – Humanity Condition
2019| 2020
Cerchi in ferro quattrocenteschi delle antiche botti di vino, vetro plastificato, tempera naturale
Fifteenth-century iron circles of ancient wine barrels, plasticized glass, natural tempera
Diametro 147cm
Rosa Mundi costruisce una particolare sfera armillare, composta da tre cerchi di ferro ellittici, incastonati una
dentro l’altra, anticamente anelli circolari delle antiche botti quattrocentesche custodite nella magica atmosfera
delle antiche cantine di vino del Castello di Morsasco. Ognuna dei tre cerchi tratteggia una sfera con una propria
immaginaria eclittica. La prima, partendo dal cuore dell’armillare, è divisa in sezioni corrispondenti ai dodici segni
dello Zodiaco. La sfera armillare era destinata a mostrare sia la precessione sia la cosiddetta trepidazione degli
equinozi, tanto in voga nel ‘400. L’originaria teoria dell’astronomo greco Ipparco, nel II secolo a.C., sul diverso
tempo impiegato dal sole per giungere all’equinozio, di primavera in primavera, riconosceva un lento
spostamento delle stelle, parallelamente all’eclittica, in senso contrario al moto diurno tale da dare origine allo
spostamento dei punti equinoziali di primavera ed autunno. Questa teoria venne denominata la precessione
degli equinozi. Nei secoli a seguire ci pensarono gli scienziati arabi a cronometrare lo slittamento degli equinozi
con un avanzamento più rapido da 1 a 66 anni, rispetto a quello di Ipparco ossia da 1 a 100 anni, sino a teorizzare
un cambiamento nella velocità di precessione, come se questa fosse una funzione del tempo che doveva essere
determinata sulla base delle osservazioni. Con la sua installazione Rosa Mundi indaga quindi il gioco del tempo
nell’indagine astronomica che, come variante matematica, deve considerare l’alea della inevitabile successione
dell’imprecisione del calcolo umano. Al tempo stesso anche il gioco delle forme, coniato e definito dal pensiero
umano, si deve aggiungere l’ulteriore incognita dell’obliquità dell’eclittica, anch’essa variabile.
Rosa Mundi builds a particular armillary sphere, composed of three elliptical iron circles, set one inside the other,
anciently circular rings of the ancient fifteenth-century barrels kept in the magical atmosphere of the ancient wine
cellars of the Castle of Morsasco. Each of the three circles outlines a sphere with its own ecliptic imagery. The
first, starting from the heart of the armillary, is divided into sections corresponding to the twelve signs of the
Zodiac. The armillary sphere was intended to show both the precession and the so-called trepidation of the
equinoxes, so popular in the ‘400. The original theory of the Greek astronomer Hipparchus, in the second century
BC, on the different time taken by the sun to reach the equinox, from spring to spring, recognized a slow
movement of the stars, parallel to the ecliptic, in the opposite direction to diurnal motion such as to give rise to
the displacement of the equinox points of spring and autumn. This theory was called the precession of the
equinoxes. In the following centuries, Arab scientists thought about timing the slippage of the equinoxes with a
faster advance from 1 to 66 years, compared to that of Hipparchus that is from 1 to 100 years, until they theorized
a change in the speed of precession, as if this was a function of time that had to be determined on the basis of
the observations. With his installation, Rosa Mundi therefore investigates the game of time in the astronomical
investigation which, as a mathematical variant, must consider the basis of the inevitable succession of the
inaccuracy of human calculation. At the same time, the play of forms, coined and defined by human thought,
must be added to the further unknown factor of the obliquity of the ecliptic, which is also variable.

I ‘M HERE, DEATH SMELLS OF RESURRECTION 

The name Giampilieri is a unique toponym in the whole Italian territory. Before acquiring the current denomination between the end of the eighteenth century and the beginning of the nineteenth century, he was given several names: 1568 Zampilerius, 1584 Gionpiliere, 1593 Molino di Giovanni Pileri, 1733 Ioampilerium, 1760 Iampileris.
The toponym Giampilieri could derive from Giovanni Piliero, perhaps the name of a knight of the Order of Malta, probably the ancient landowner of the area. From 1523 to 1798, Messina was the seat of one of the seven Great Priories of the Venerable IV Language of Italy with which the Maltese Order had divided the Italian territory, the VII Grand Priory of Messina. In an ancient house of Giampilieri, there is a rusticated arch from 1633, with a pair of coats of arms of the Knights of Malta carved, which testifies to the residence in the village of an important person of the Order of Malta.
But for others the name Giampilieri could have a double origin. The prefix “Giam” could come from the Arabic word hagar which means “stone, stone, boulder”, which constitutes the first ending of origin of some Sicilian localities. The term “pileri” is purely Sicilian, it comes from the late Latin pilare-is which means “pillar, column, stele, memorial stone”. In the town’s Church Square, there is a piliere of very ancient origin, right in front of the main facade of the Mother Church.
On 1 October 2009 torrential rains hit eastern Sicily all night, until morning. The storm causes the overflow of rivers and various landslides. Since the beginning of the storm, an average of 415 Fire Brigade units were employed per day, involving a total of 1,623 men from all over Italy. 170 vehicles were used, including 4 helicopters, 1 motorboat and 3 rubber boats for research at sea and the transport of personnel. The flood causes 37 victims and over two thousand people are evacuated.
It was October 1st 2009 when a flow of water, mud and debris came down the mountain dragging with it roads, squares, Giampilieri’s houses, also hitting Scaletta Zanclea, Itala, Briga, Molino, Altolia in the Province of Messina. A territory wounded forever by that violent storm that poured 350 millimeters of water in a few hours. Ten years later, most of the safety work has been completed, life seems to have returned to normal but the wound is still bleeding. But when it rains the memory returns to that Thursday 1 October 2009. The life of those who were present is no longer the same.
The days that followed were no less tragic. Everything was covered in mud. The roads were impassable. The dead, the missing and the damage were counted. Already on October 25, 2007, just two years earlier, a first alluvial event had hit Scaletta Zanclea.
The country has slowly depopulated. Many displaced people have never returned to their homes. Many young people have thought of building their future thousands of kilometers from the flood areas. People are missing. Return policies are missing. Today after ten years we are experiencing a new flood which is that of depopulation. Stores close, people leave.
“The Key of the Last Supper”, already exhibited at the Museum of Contemporary Art of the Sicilian Region – Palazzo Belmonte Riso in via Vittorio Emanuele 484, Archaeological park of Tindari, at the Orestiadi Foundation at the Museum of Mediterranean Textures and at the Castle of Morsasco in Piedmont .
Twenty years earlier, on 21 October 1989, a sacred image of Jesus kept in a private house began to tear, the phenomenon repeated itself for several months, attracting the attention of hundreds of people who came to see: many claimed to receive graces , of having converted or recovered from diseases.
Tears are immediately analyzed and their human nature ascertained. On March 27, 1990, near Easter, the tears of Jesus’ face become blood, coming out of the thorns of the head, from the nose and from the mouth. Blood crosses of various shapes and sizes are also formed everywhere in a room. Also this blood, analyzed, is confirmed as human blood.
Ms. Pina Micali, the owner of the house, a strongly devoted woman, initially says she has inner locutions, which invited to prayer, love, penance and unity. This following the first cases of tearing. After the locutions, the lady claims to have visions of Jesus and since 1992 she says she is stigmatized: every year and before the beginning of Lent, Jesus asks her if she is willing to relive her Passion for the conversion of sinners. And he announces that every year the pains in her would increase, saying to her: “I leave you under the guidance of My Mother. From now on she will instruct you. “
After Lent, the stigmata and signs in different parts of the body begin to disappear and she slowly recovers from severe pain. But all over the left palm remains clotted blood, which reappears even if the hand is washed. This hand – the left – is always covered by a band and Pina rarely shows it. Since 1993 it is the Madonna, as announced by Jesus, to deliver messages to Pina, and always that year new tears occur to other sacred statues, in particular to a statue of the Madonna. All this is repeated constantly and continuously over the years.
The message of Giampilieri’s tears goes in the direction of the messages given by Our Lady to La Salette, Lourdes and Fatima: Jesus is God incarnate, Gospel, Holy Mass and Eucharistic Adoration, Confession, prayer in particular the Holy Rosary, charity, conversion, humility, penance and sacrifices.
Our Lady’s tears ask for reparation, consolation and penance. Tears that also appeal to non-believers to do an internal analysis or internal inspection to ask themselves fundamental questions about the meaning of life and to respond with humility, looking only for the Truth. Our Lady weeps for all the negative events that are happening in the world and invites us to prayer, living daily in faith and prayer.

TRANSFORMATORY directed by Federcio Bonelli
In the summer of 2018 he adopted the city and made it a great artist residence on the theme of
“Porta / the gate: Porta itineris longissima dicitur esse”
Becoming a stage of BIAS 2018
www.biasinstitute.it
Leaving numerous site specifics in the historic center after involving the city and its citizens for two weeks.
Rosa Mundi is among the artists selected by Trasformatorio and participates leaving one of her works called
www.rosamundivisualart.com

SONO QUI , LA MORTE ODORA DI RESURREZIONE
TESTI, FOTO, VIDEO E EDITING DI ROSA MUNDI VISUALARTIST
WWW.ROSAMUNDIVISUALART.COM

l nome Giampilieri è un toponimo unico in tutto il territorio italiano. Prima di acquisire l’attuale denominazione fra fine del ‘700 inizio dell’800 ma prima gli furono dati diversi nomi: 1568 Zampilerius, 1584 Gionpiliere, 1593 Molino di Giovanni Pileri, 1733 Ioampilerium, 1760 Iampileris.
Il toponimo Giampilieri potrebbe derivare da Giovanni Piliero, forse il nome di un cavaliere dell’Ordine di Malta, probabilmente antico proprietario terriero della zona. Dal 1523 al 1798, Messina fu sede di uno dei sette Grandi Priorati della Venerabile IV Lingua d’Italia con cui l’Ordine Maltese aveva suddiviso il territorio italiano, il VII Gran Priorato di Messina. In un’antica casa di Giampilieri, vi è un arco bugnato del 1633, con scolpita una coppia di stemmi dei Cavalieri di Malta, che testimonia la residenza nel villaggio di un importante personaggio dell’Ordine di Malta.
Ma per altri il nome Giampilieri potrebbe avere una doppia origine. Il prefisso “Giam” potrebbe provenire dalla parola araba hagar che significa “pietra, sasso, masso”, che costituisce la prima desinenza di origine di alcune località siciliane. Il termine “pileri” è prettamente siciliano, proviene dal tardo-latino pilare-is che significa “pilastro, colonna, stele, cippo”. Nella Piazza della Chiesa del paese, si erge un piliere di antichissima origine, proprio di fronte alla facciata principale della Chiesa Madre.
Il 1° ottobre 2009 piogge torrenziali colpiscono la Sicilia orientale per tutta la notte, fino al mattino. Il nubifragio provoca lo straripamento dei corsi d’acqua e diversi eventi franosi. Dall’inizio del nubifragio, furono impiegate in media 415 unità dei Vigili del Fuoco al giorno, coinvolgendo un totale di 1.623 uomini provenienti da tutta Italia. Furono utilizzati 170 mezzi, tra cui 4 elicotteri, 1 motobarca e 3 gommoni per le ricerche in mare ed il trasporto del personale L’alluvione provoca 37 vittime e oltre duemila le persone vengono evacuate.
Era il 1° ottobre del 2009 quando una colata di acqua, fango e detriti venne giù dalla montagna trascinando con sé strade, piazze, abitazioni di Giampilieri colpendo anche Scaletta Zanclea, Itala, Briga, Molino, Altolia in Provincia di Messina. Un territorio ferito per sempre da quel violento nubifragio che riversò, in poche ore, 350 millimetri di acqua. Dieci anni dopo, la maggior parte delle opere per la messa in sicurezza sono state completate, la vita sembra essere tornata alla normalità ma la ferita sanguina ancora. Ma quando piove la memoria ritorna a quel giovedì 1 ottobre 2009. La vita di chi fu presente non è più la stessa.
I giorni che seguirono non furono meno tragici. Tutto era coperto dal fango. Le strade erano impraticabili. Si contavano i morti, i dispersi e i danni. Già il 25 ottobre del 2007, solo due anni prima, un primo evento alluvionale aveva colpito Scaletta Zanclea.
Il paese si è lentamente spopolato. Molti sfollati non sono più tornati nelle loro case. Molti giovani hanno pensato di costruire il loro futuro a migliaia di chilometri dalle zone dell’alluvione. Mancano le persone. Mancano le politiche per il ritorno. Oggi dopo dieci anni stiamo vivendo una nuova alluvione che è quella dello spopolamento. I negozi chiudono, la gente se ne va.
Venti anni prima, il 21 ottobre del 1989 una sacra immagine di Gesù conservata in una casa privata, comincia a lacrimare.Il fenomeno si ripete per diversi mesi, richiamando l’attenzione di centinaia di persone che accorrono a vedere: molti sostengono di ricevere grazie, di essersi convertiti o guariti da malattie.
Subito le lacrime vengono analizzate e viene constatata la loro natura umana. Il 27 marzo del 1990, in prossimità della Pasqua, le lacrime del volto di Gesù diventano sangue, fuoriuscendo dalle spine del capo, dal naso e dalla bocca. Si formano anche delle croci sanguigne, di varie forme e dimensioni, dappertutto in una stanza. Anche questo sangue, analizzato, viene confermato come sangue umano.
La signora Pina Micali, la proprietaria di casa, una donna fortemente devota, inizialmente dice di avere locuzioni interiori, che invitavano alla preghiera, all’amore, alla penitenza e all’unità. Questo in seguito ai primi casi di lacrimazione. Dopo le locuzioni, la signora sostiene di aver delle visioni di Gesù e dal 1992 dice di essere stigmatizzata: ogni anno e prima dell’inizio della Quaresimale, Gesù le chiede se è disposta a rivivere la Sua Passione per la conversione dei peccatori. E le annuncia che ogni anno i dolori in lei sarebbero aumentati, dicendole: “Ti lascio sotto la guida di Mia Madre. D’ora in poi sarà Lei ad istruirti”.
Terminata la Quaresima, le stigmate e i segni in diverse parti del corpo cominciano a scomparire e lei lentamente si riprende dai forti dolori. Però su tutto il palmo della mano sinistra rimane del sangue raggrumato, il quale si ripresenta anche se la mano viene lavata. Questa mano – la sinistra – è sempre coperta da una fascia e raramente Pina la mostra. Dal 1993 è la Madonna, come annunciato da Gesù, a consegnare messaggi a Pina, e sempre quell’anno accadono nuove lacrimazioni ad altre statue sacre, in particolare ad una statua della Madonna. Tutto questo si ripete in modo costante e continuo negli anni.
Il messaggio delle lacrimazioni di Giampilieri va nella direzione dei messaggi dati dalla Madonna a La Salette, Lourdes e Fatima: Gesù è Dio incarnato, Vangelo, Santa Messa e Adorazione Eucaristica, Confessione, preghiera in particolare il Santo Rosario, carità, conversione, umiltà, penitenza e sacrifici.
Le lacrime della Madonna chiedono riparazione, consolazione e penitenza. Lacrime che richiamano anche i non credenti a fare un’opera di analisi interiore o ispezione interna per porsi fondamentali domande sul senso della vita e rispondere con umiltà, cercando solamente la Verità. La Madonna piange per tutti i fatti negativi che stanno accadendo nel mondo e ci invita alla preghiera, vivendo quotidianamante nella fede e nella preghiera.
TRASFORMATORIO diretto da Federcio Bonelli
Nell’estate del 2018 adotta la città e ne fa una grande residenza d’artisti sul tema della
“Porta/ the gate: Porta itineris longissima dicitur esse”
Divenendo tappa della BIAS 2018
www.biasinstitute.it
Lasciando numerose site specific nel centro storcio dopo avere coinvolto per due settimane la città ed i suoi cittadini.
Rosa Mundi è tra gli artisti selezionati da Trasformatorio e partecipa lasciando una delle sue opere denmominata
“La Chiave dell’ultima cena”, già esposta al Museo di Arte Contemporanea della Regione Siciliana – Palazzo Belmonte Riso in via Vittorio Emanuele 484, parco Archeologico di Tindari, alla Fondazione Orestiadi presso il Museo delle Trame Mediterranee ed al Castello di Morsasco in Piemonte.
www.rosamundivisualart.com

The threshold of thoughtThe threshold of thoughtLa soglia del pensiero 

This work, “the threshold of thought” was the manifesto symbol of BIAS 2018, porta itineris longissima dicitur esse fully meaning how much the longest part of the path is to cross the door more than to walk.

An arch carved in stone marks the shape of a door inside a wall. In the part to be removed dwell in the centuries, indeed in the millennia, phrases in Arabic, Aramaic, Persian, Greek and many others not perfectly attributable to a population or a known language.

This work has a very strong symbolic and anthropological meaning, highlights how before the action, before the verb, the mind dwells in our mind and that it is an expression of the culture in which they were born and raised and takes shape in a written and spoken language .

Our culture of origin is our first wall that we are not always ready and willing to overcome. The threshold of thought interprets in a photographic key the cultural relativism that dwells in every individual, every where in every time and place and is harder than stone.

The shape of the arch marks the will to open a passage in that precise point with the awareness of what we are and where we start from. When that arch is built the stone and the engraved words will be destroyed but will remain in the memory of those who wrote or handed them down.

The threshold of thought is a symbolic work of the Pavilion of Lost Religions, that is, of that humanity which to date is inscrutable and indecipherable to us in full, despite our efforts and our studies, which we just have to think and try to interpret without never have the concrete certainty of the correspondence of our thoughts to their experiences.

This work has been exhibited at the Museum of Contemporary Art of the Sicilian Region Palazzo Belmonte Riso and at the Park of Selinunte inside the Baglio Florio, as well as at the Museum of the archaeological park of the Tindari theater in Patti for its incredible reference to archeology and hidden civilizations .

Questa opera, “la soglia del pensiero” è stato il manifesto simbolo della BIAS 2018, porta itineris longissima dicitur esse significando a pieno quanto la parte più lunga del cammino sia attraversare la porta più che camminare.

Un arco scolpito nella pietra segna la sagoma di una porta all’interno di un muro. Nella parte a togliere dimorano nei secoli, anzi nei millenni frasi in lingua araba, aramaica, persiana, greca  e tante altre non perfettamente riconducibili ad una popolazione o ad una lingua conosciuta.

Questa opera ha un significato simbolico ed antropologico molto forte, evidenzia come prima dell’azione, prima del verbo, dimora nella nostra mente il pensiero e che esso è espressione della cultura in cui siano nati e cresciuti e si concretizza in una lingua scritta e parlata.

La nostra cultura di origine è il nostro primo muro che non sempre siamo pronti e disponibili a superare. La soglia del pensiero interpreta in chiave fotografica il relativismo culturale che dimora in ogni individuo, ogni dove in ogni tempo e luogo ed è più duro della pietra.

La sagoma dell’arco segna la volontà di aprire un varco in quel preciso punto con la consapevolezza di cosa siamo e da dove partiamo. Quando quell’arco sarà costruito la pietra e le parole incise saranno distrutte ma rimarranno nella memoria di chi le ha scritte o tramandate.

La soglia del pensiero è un opera simbolo del Padiglione delle Religioni Perdute, ossia di quella umanità che ad oggi risulta per noi imperscrutabile e indecifrabile a pieno, nonostante i nostri sforzi ed i nostri studi, che non ci resta che pensare e provare ad interpretare senza avere mai la concreta certezza della corrispondenza del nostro pensiero al loro vissuto.

Questa opera è stata esposta al Museo di Arte Contemporanea della Regione Siciliana Palazzo Belmonte Riso e al Parco di Selinunte dentro il Baglio Florio, nonché al Museo del parco archeologico del teatro di Tindari a Patti per il suo incredibile riferimento all’archeologia ed alle civiltà nascoste.

 

Wine Resurrection / Calice della resurrezione

The resurrection is the central and final event of the Gospel narrative is a work inspired by the resurrection of Christ. In this installation the artist recalls the blood of Christ and the sacrifice that over the centuries is recalled at the time of the rite of the Eucharist, using the ancient wine barrels of the Castle, flooding them with vivifying light, the light of faith and trust in forgiveness of God.
Rosa Mundi recalls the dawn of the Sunday of Mary of Magdala, Mary of James and Salome at the sepulcher. The work is the final act of the artist’s creation of a strongly spiritual scenario that envelops the discovery of the open sepulchral stone. Rosa Mundi after creating an installation called “The Creation: the bed of God” with 12 meters of pure white linen, drawn in graffiti and gold thread and coral depicting the 7 days of creation with a glass ball in the center reflective created a scenic fictio with three dancers around.
From this performance he then obtained numerous photographic shots aimed at overlapping the fifth day of creation, i.e. the day on which God created the animals of the sea and the sky, with the globe depicting the day of God’s rest with the announcement of the resurrection of the flesh of Christ to the three women who rushed to the tomb.
No reference is random, the pure and delicate linen recalls the sacred shroud with which the blow of Christ was wrapped, the reference to the creation of the world and the salvation of the world by means of the sacrifice of the son of God and his subsequent resurrection are all elements of the same interpretation.
The lightness of the fabric and the delicate silhouettes of the three women in a position of prayer give the work the impalpability of the faith and spirituality of the commemorative moment.

La resurrezione è l’evento centrale e finale della narrazione evangelica è un’opera ispirata alla risurrezione di Cristo. In questa installazione l’artista rievoca il sangue di Cristo ed al sacrifico che nei secoli viene rievocato nel momento del rito dell’Eucarestia, utilizzando le antiche botte di vino del Castello, inondandole di luce vivifica, la luce della fede e della fiducia nel perdono di Dio.
Rosa Mundi rievoca l’alba della domenica di Maria di Magdala, Maria di Giacomo e Salomè al sepolcro. L’opera è l’atto finale della creazione dell’artista di uno scenario fortemente spirituale che avvolge la scoperta della pietra sepolcrale aperta. Rosa Mundi dopo avere creato una installazione dal nome “The Creation: il letto di Dio” con 12 metri di lino puro bianco, disegnati a graffite e filo d’oro e di coralli raffiguranti i 7 giorni della creazione con al centro un palla di vetro riflettente ha creato una fictio scenica con tre ballerine intorno.
Da questa performance ha poi ricavato numerosi scatti fotografici miranti a sovrapporre il quinto giorno della creazione, ossia il giorno in cui Dio creò gli animali di mare e del cielo, con il globo raffigurante il giorno del riposo di Dio con l’annuncio della resurrezione della carne di Cristo alle tre donne accorse al sepolcro.
Nessun riferimento è casuale, il lino puro e delicato ricorda la sacra sindone con cui fu avvolto il colpo di Cristo, il riferimento alla creazione di del mondo ed alla salvezza del mondo per mezzo del sacrificio del figlio di Dio e la sua successiva resurrezione sono tutti elementi di una medesima chiave di lettura.
La leggerezza del tessuto e le sagome delicate delle tre donne in posizione di preghiera conferiscono all’opera l’impalpabilità della fede e della spiritualità del momento rievocativo.